Informazioni sui quadranti tropicali Rolex

Quadranti tropicali Rolex GMT-Master

Rolex ha introdotto il GMT-Master nel 1955 e nei successivi tre decenni, il marchio ha rilasciato una manciata di riferimenti in diversi materiali, colori della lunetta e colori del quadrante.

A seconda del colore originale del quadrante GMT-Master Repliche Orologi, i quadranti tropicali possono essere disponibili in tutti i colori oggi. I quadranti neri in genere si trasformavano in varie tonalità di marrone, con alcuni persino nello spettro dei colori arancione. D’altra parte, i quadranti tropicali che erano originariamente marroni, come quelli montati sui modelli Rolex Repliche oro e bicolore, avrebbero potuto trasformarsi in marroni più chiari, marroni dorati, marroni rossastri o persino verde oliva.

Quadranti tropicali Rolex Daytona

Alcuni dei quadranti tropicali Rolex più belli e da collezione sono quelli che si trovano sui cronografi Daytona vintage con movimenti a carica manuale. Il quadrante Repliche Daytona ha tre quadranti sussidiari a ore 3, 6 e 9 e questi sub-quadranti erano spesso realizzati in un colore diverso rispetto al quadrante principale. Pertanto, l’effetto di tropicalizzazione è particolarmente evidente su un Daytona a causa del contrasto dei registri contro il quadrante principale.

Su alcune versioni del Rolex Repliche Orologi con quadranti neri, Rolex utilizzava una vernice chiamata Zapon, che alla fine faceva diventare marroni gli anelli d’argento dei tre registri.